itzh-CNenfr

AL MINISTERO DELL’AGRICOLTURA INSEDIATO IL TAVOLO DI FILIERA DEL LUPPOL

Sotto la preziosa regia del Dott. Manzo si è insediato il Tavolo di Filiera del luppolo. Una coltura considerata ancora marginale, ma che sotto la spinta del diffondersi di birrifici artigianali sta gradualmente affermandosi in molte aree del Paese.

Domande tecniche, alle quali la ricerca sta già dando le prime risposte; domande colturali che trascinate dai pionieri sta gradualmente consolidando buone pratiche agricole; domande di connessione della produzione, della lavorazione conservazione e del mercato, sono attualmente solo in parte sopperite dal legame fra birrifici artigianali e produzione di luppolo (superfici medie che non oltrepassano la linea del mezzo ettaro, con circa 80 produttori censiti); domande sulle possibilità di trattamento dovranno trovare attenzione da parte dei ministeri e delle ditte produttrici di fitofarmaci ed infine il riconoscimento giuridico (una legge chiara e semplice) sono alcuni aspetti qualificanti che dovranno motivare e animare il funzionamento del tavolo di filiera che sarà istituito con decreto del Ministro Centinaio.

Ma per rendere la valutazione completa e approfondita è stato proposto di istituire quattro tavoli tematici che si occuperanno di valutare il prodotto nei suoi aspetti tecnico, scientifici, colturali, di certificazione, di valorizzazione e giuridici.

I Periti Agrari e Periti Agrari Laureati hanno manifestato, insieme all’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali e a tutte le rappresentanze istituzionali, della ricerca, universitarie, delle organizzazioni professionali, la loro piena disponibilità ad accompagnare questo processo di riconoscimento e valorizzazione del nostro luppolo italiano.

 

 

 

 

 

 

  • Visite: 1858